Acquista online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il sito www.antonellaossorio.it fa uso dei cookie. Il loro impiego prevalente è legato a motivi tecnici e di funzionamento del sistema.

Le informazioni raccolte dai cookie non hanno lo scopo di identificare l'utente personalmente, ma contengono dati generali sulle impostazioni del computer, il sistema operativo, l'indirizzo IP e i tempi di navigazione sul sito web.

Le informazioni raccolte possono essere utilizzate in forma aggregata per l'attività di marketing e di analisi dell'uso del sito web.

Cosa sono i cookie

I cookie sono stringhe di testo di piccola dimensione, inviate da un server ad un web client (un'informazione memorizzata dal sito web, visitato nel computer del navigatore).

Vengono impiegati, in generale, per ricordare le preferenze, i dati e le informazioni di navigazione dei visitatori su quel particolare sito web, ma non contengono dati personali.

L'uso dei cookie

La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma è possibile modificare le impostazioni del browser, per cancellare i cookie o impedire l'accettazione automatica.

All'utente del sito viene consentito di rifiutare l'uso dei cookie. Se l'utente rifiuta l'uso dei cookie, la possibilità di fornire servizi personalizzati sarà limitata. In tale ultimo caso alcune occorrenze del Sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili.

Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Internet Explorer: http://support.microsoft.com/kb/278835

Internet Explore [versione mobile]: http://www.windowsphone.com/en-us/how-to/wp7/web/changing-privacy-and-other-browser-settings

Chrome: http://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en-GB&answer=95647

Safari: http://docs.info.apple.com/article.html?path=Safari/5.0/en/9277.html

Safari [versione mobile]: http://support.apple.com/kb/HT1677

Firefox: http://support.mozilla.org/en-US/kb/Enabling%20and%20disabling%20cookies

Blackberries: http://docs.blackberry.com/en/smartphone_users/deliverables/32004/Turn_off_cookies_in_the_browser_60_1072866_11.jsp

Android: http://support.google.com/mobile/bin/answer.py?hl=en&answer=169022

Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/

Si ricorda che, disabilitando i cookie nel proprio browser, queste impostazioni si applicano a tutti i siti web e non solo a questo.

Tipi di cookie

Esistono due tipi di cookie:

cookie di prima parte (o proprietari): soggetti e leggibili dal solo dominio, che li ha creati;

cookie di terze parti: soggetti e creati da domini esterni a quello, che stiamo visitando.

E possono essere

di sessione (o temporanei): si eliminano alla chiusura del browser;

persistenti: restano memorizzati come file, anche dopo la chiusura del browser e si eliminano dopo un certo periodo di tempo prestabilito.

Per maggiori informazioni su cookie visita: http://www.cookiecentral.com.

I cookie e www.antonellaossorio.it

Il sito antonellaossorio.it utilizza cookie, di diverse tipologie, per finalità e scopi molteplici:

cookie di prima parte, per le statistiche web (eseguite sulla base di dati aggregati e anonimi);

cookie di terza parte, per gli strumenti di condivisione delle pagine e per i servizi legati ai social media.

Per informazioni sui plug-in sociali di Facebook, visita https://www.facebook.com/about/privacy/your-info-on-other.

Eventuali modifiche a questa politica saranno pubblicate in questa sezione ed entreranno in vigore all'atto della pubblicazione. L'uso continuato del sito web costituisce accettazione di tali cambiamenti.

Bio

Essendo degli anni ’60, se fossi nata in America o in Inghilterra avrei potuto fregiarmi del titolo di “baby boomer”. Ma il fatto di essere nata a Napoli, nei Quartieri Spagnoli, mi ha resa inesorabilmente figlia del dopoguerra emotivo più lungo della storia.

Certo, ormai le bombe non cadevano più, ma tutto sembrava ancora così precario. Di conseguenza, come diceva Totò, “la testa andava tenuta al posto suo e cioè sulle spalle”. Invece la mia già da allora tentava continuamente la fuga.  All’età di sei anni, facciamo anche sette, alla fatidica domanda cosa vuoi fare da grande? rispondevo con convinzione: la pittrice! Con ottusa convinzione, dovrei dire, giacché già sapevo che avrei costretto i miei genitori a spiegarmi per l’ennesima volta che non avevo afferrato il senso del quesito: quel cosa stava per quale mestiere. Mestiere, capito, piccolina? Vale a dire, quell’insieme di occupazioni perlopiù sgradevoli che, per quanto ben lontane dal nobilitare chicchessia, presentano l’indiscutibile vantaggio di garantirti uno stipendio a fine mese.

Amen, capito. Peccato, però. Così, imparata la lezione, lasciai perdere le velleità artistiche e mi avviai verso una brillante carriera scolastica - portata a termine con coerenza fino alla fine -  da “è intelligente, però non si applica”. Il che non era del tutto vero: io mi applicavo tantissimo, ma su cose che con la scuola avevano poco a che vedere. Dopo il disegno avevo scoperto un’attività altrettanto inutile che mi dava perfino più soddisfazione: quella di scrivere, nel senso di raccontare. Nel frattempo ero diventata una maestra. Un’amatissima maestra, posso dire con orgoglio: destino comune, credo, a quelli che, portandosi ancora addosso le stimmate dell’ultimo della classe, nel comunicare con i bambini s’ingegnano a trovare “le parole per dirlo”.

Dato che spesso queste parole stanno tra le righe di un racconto, dal narrare storie allo scriverle il passo, come si dice, fu breve; e, incredibilmente, fu breve anche il passo dallo scriverle al pubblicarle. Con Einaudi Ragazzi, al principio. E poi con tante altre Case Editrici: Giunti, Electa, Fatatrac,Interlinea, Rizzoli…

Sta’ a vedere – pensavo – che, alla fine dei conti, scrivere può essere anche un mestiere?  Sì, ma scrivere per chi? Per i bambini, certo; ma anche per lettori adulti. Racconti sparsi, all’inizio; tanti, pubblicati all’interno di antologie e su quotidiani. Poi una raccolta (Passaggi di stagione, Besa) e un romanzo (L’unicorno sulle scale, Falzea). Ma, insomma, la scrittura è o non è un mestiere? Sì, anzi è tanti mestieri. Avendo scritto testi tra loro molto diversi – romanzi, racconti, storie in versi, filastrocche, perfino enigmi in rima all’interno di una sceneggiatura per il fumetto Dylan Dog, e infine, ebbene sì, sceneggiature di fotoromanzi per la rivista francese Nous Deux – credo che sia così. Un  mestiere dei più schizofrenici, che prima ti fa condurre un’esistenza da stilita e poi ti richiede il confronto (necessario e “appanicante”, in ogni caso benedetto) con i lettori. Nel corso di incontri col pubblico all’interno dei festival letterari ai quali sono stata invitata (Mantova, Gavoi, Pordenonelegge, Scrittorincittà e altri minori) mi sono sentita rivolgere ogni genere di domanda.

La più infida, in assoluto: ma lei si sente una scrittrice napoletana? Risposta: sì… no… certe volte sì, certe altre no… Quella della “napoletanità” è un’arma a doppio taglio; nel bene e nel male, è un marchio di fabbrica talvolta ingombrante, che non va rinnegato, ma nemmeno troppo esibito. Ma qui lo dico e qui lo nego, perché ogni racconto, ogni romanzo, fa storia a sé. Poi, a chi mi chiede della mia vita rispondo che da anni non insegno più; che vivo con mio marito Claudio e la nostra "cana" Anita; che a tutti e tre piace viaggiare; che so cucinare bene; e che mio marito svolge due mestieri: il medico ematologo e lo sceneggiatore di un fumetto che ha per protagonista un ammazza vampiri. Insomma, in entrambi i casi lavora nel ramo “sangue”. Questa, siccome a quanto pare fa ridere, non evito mai di dirla.

                                                                                           Antonella Ossorio

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.